Andy Warhol, il Copyright non è un’opinione

Negli ultimi anni, Andy Warhol è stato coinvolto in un’accesa controversia legale in materia di Copyright giunta sino alle aule della Corte Suprema degli Stati Uniti che di recente si è pronunciata con un’attesa sentenza.

Leggi

Il football australiano sfida Warner Bros. per il Marchio “Diavolo della Tasmania”

La squadra locale di football della Tasmania entrerà a pieno titolo nella massima competizione di football australiana. Peccato che la formazione rischi di ritrovarsi senza nome, senza logo e senza mascotte: insomma, senza un’identità.
Perché? Tutto a causa di una disputa con la Warner Bros. e, in particolare, con i… Looney Tunes, niente meno.

Leggi

SIAE contro Meta: addio alle canzoni italiane su Facebook e Instagram. Oppure no?

Il caso in oggetto è recentissimo e riguarda il mancato accordo tra l’impresa di Zuckerberg e la Società Italiana degli Autori ed Editori (SIAE), organismo di gestione collettiva che si occupa in Italia della tutela del diritto d’autore relativo a cantanti, musicisti ed editori.
Il risultato? Addio per sempre alla possibilità di utilizzare musiche italiane come colonna sonora dei propri video, reels o stories su Facebook e Instagram. O forse no…

Leggi

Nuovo Brevetto Ford: se non paghi il mutuo, l’auto se ne va

Se non si pagano le rate del finanziamento, l’auto è pronta a ribellarsi contro il suo proprietario.
È questo il contenuto di uno dei più “discussi” brevetti depositati dalla casa automobilistica statunitense Ford, a fine febbraio, presso lo USPTO (United States Patent and Trademark Office).

Leggi

Hermès contro Rothschild: la Proprietà Intellettuale ai tempi degli NFT e del Metaverso

“È il Metaverso, bellezza, e tu non ci puoi fare niente”.
Deve aver pensato qualcosa di simile Mason Rothschild, parafrasando la storica battuta di Humphrey Bogart nel film “L’ultima minaccia” (Deadline – 1952) di Richard Brooks, prima del verdetto del tribunale, che ha dato ragione a Hermès nella causa per violazione del Marchio contro l’artista americano.

Leggi

Intelligenza Artificiale e diritto d’autore: come gestire le opere create da un robot?

La rivoluzione tecnologica protagonista dell’attuale periodo storico ha dato il via all’avvento di una nuova era, quella della Intelligenza Artificiale.
Gli studi in materia sono progrediti al punto che è possibile, ad oggi, riscontrare la presenza di androidi abili nello svolgimento di attività che sono state sempre e soltanto compiute dall’essere umano.

Leggi

I prodotti ci parlano: dicono la verità?

I diritti di Proprietà Intellettuale possono essere utilizzati anche per comunicare ai consumatori e ai concorrenti che l’azienda è titolare di un diritto di esclusiva su determinati aspetti funzionali o estetici, evidenziando così il proprio carattere innovativo: tale informazione può essere apposta sul prodotto o sulla sua confezione: è il “Patent Marking”.

Leggi

Fondo per le PMI 2023

Nuovamente aperto il Bando dell’EUIPO SME Fund 2023: un programma di rimborso per le PMI che emette 4 tipologie di voucher

Leggi

Avatar 2: campione di incassi e… di brevetti

Cosa unisce film colossal come la trilogia del Signore degli Anelli, la saga de Il Pianeta delle Scimmie, il ciclo di The Avengers, l’ultimo King Kong, Hunger Games e, ovviamente, i due Avatar, solo per citarne alcuni? Ricerca, innovazione e ingegno umano: ossia tanta Proprietà Intellettuale.

Leggi

È la Cina la regina della Proprietà Intellettuale… Ma è proprio così?

L’Organizzazione Mondiale della Proprietà intellettuale ha appena pubblicato il rapporto “Indicatori della proprietà intellettuale mondiale 2022” da cui emerge che, nel 2021, a dispetto dell’andamento negativo dell’economia mondiale e delle persistenti difficoltà legate al Covid 19, si è assistito a una fortissima crescita a livello mondiale delle richieste di tutela della Proprietà Intellettuale.

Leggi

Da Milano a Lisbona con un pieno: Volkswagen disegna la nuova auto a idrogeno

Immaginate di poter coprire, in auto e con un solo pieno, la distanza che separa in linea d’aria Milano da Mosca. Di poter fare andata e ritorno da Roma a Parigi senza neanche un “pit-stop”. È questo il sogno di Volkswagen, che dopo aver apparentemente criticato la tecnologia a idrogeno, ha (saggiamente) lavorato sottotraccia per creare un’auto capace di percorrere anche 2.000 km con un solo pieno.

Leggi